Ecco come funziona l’Autorità Idrica Toscana

23 luglio 2016

Pubblichiamo il comunicato stampa del Forum Toscano dei Movimenti per l’Acqua.

.

A.I.T., OVVERO LA DEMOCRAZIA CHE NON C’È.

PRENDE AVVIO LA “RESISTENZA”.

Il 22/07, all’assemblea dell’Autorità Idrica Toscana, si decidevano le tariffe per alcuni gestori della Toscana (Nuove Acque, Gaia e Geal), e la Carta dei Servizi per tutti i gestori: il documento che regola i rapporti tra i cittadini-utenti e i signori dell’acqua nella nostra regione.

Come al solito, non tutti i 51 Sindaci componenti l’assemblea erano presenti e, quando si è arrivati all’atto finale, cioè il voto, passata ormai l’ora di pranzo, la sala si era svuotata. Rimasta solo una quindicina di Sindaci o loro delegati, solo una decina di loro ha alzato la mano per l’approvazione.

Quindi 10 Sindaci si sono arrogati il potere di decidere per 288 Sindaci toscani, su questioni importantissime per tutti i cittadini e la regione in toto. Come sempre, il potere nelle mani di pochi.

Read the rest of this entry »

No al decreto Madia! Sì al diritto all’acqua!

21 luglio 2016

Risultati immagini per forum italianomovimenti acqua

.

.

.

..

.

Comunicato stampa

230.000 firme alla Camera per l’acqua bene comune

La petizione popolare contro i decreti Madia

consegnata domani alla Presidente Boldrini

Domani 22 luglio, alle ore 12.30, una delegazione del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua consegnerà alla Presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, le circa 230.000 firme raccolte a sostegno della petizione popolare “Per legiferare in materia di diritto all’acqua e di gestione pubblica e partecipativa del servizio idrico integrato”.

Read the rest of this entry »

ABC Napoli sotto attacco

Il Forum Acqua Valdera esprime la propria vicinanza e solidarietà ai lavoratori ed al Presidente di ABC Napoli Maurizio Montalto, vittime nei giorni scorsi di un attentato (per fortuna senza danni a persone), sul quale si sta ancora indagando. Che si somma alle ripetute  minacce ricevute nelle scorse settimane dal Presidente; evidentemente c’è chi ha interesse ad aggredire l’unico caso di ripubblicizzazione dei servizi idrici avvenuto in Italia dopo il referendum del 2011.

Si vuole cancellare, o comunque mettere in ogni modo in difficoltà, quello che rappresenta un modello di gestione pubblica e partecipata dell’acqua; un modello che interroga tutte le altre realtà italiane, come quelle toscane, nelle quali, anziché procedere  a rispettare la volontà popolare, si cerca di attuare ulteriori percorsi di privatizzazione.

Pubblichiamo questo comunicato stampa di Padre Alex Zanotelli.


SOTTO ATTACCO L’ACQUA PUBBLICA DI NAPOLI

Solidarietà all’ABC, ai lavoratori e al Presidente

L’esplosione di un ordigno all’interno di uno dei depositi dell’azienda è un fatto drammatico su cui la DIGOS e la Magistratura stanno già indagando. A noi cittadini preoccupa che sia stata sfiorata la tragedia, perché gli operai in quel momento si trovavano vicino, negli spogliatoi pronti per uscire. Si tratta chiaramente di un atto intimidatorio che punta a minare dall’interno l’acqua pubblica di Napoli.

Read the rest of this entry »

Vi aspettiamo alla Festa dell’Economia Solidale!

12 giugno 2016

http://valderasolidale.it/wp-content/uploads/Volantino-FES_2016-fronte.jpgIl Forum Acqua Valdera parteciperà con un proprio banchetto alla Festa dell’Economia Solidale che si svolgerà sabato 18 e domenica 19 giugno presso il Circolo “Ortaccio” a Vicopisano; QUI trovate il programma completo della festa, consultabile direttamente anche sul sito valderasolidale.it.

Nei due giorni della festa al nostro banchetto sarà possibile anche firmare per i Referendum Sociali, per il Referendum Costituzionale e per il Referendum contro l’Italicum.

INVITIAMO I SIMPATIZZANTI DEI MOVIMENTI PER L’ACQUA ED I BENI COMUNI E TUTTI I CITTADINI

A PARTECIPARE ALLA FESTA E A DIFFONDERNE IL PROGRAMMA.

Vi aspettiamo!

Davide può battere Golia…

06 giugno 2016

Acqua, comune di Berceto vince la battaglia: gestione torna pubblica e addio multiutility

Acqua, comune di Berceto vince la battaglia: gestione torna pubblica e addio multiutility

E’ dal 1997 che il servizio idrico integrato non è più in mano al Comune, che lo aveva affidato a Montagna 2000, società partecipata di servizi che riunisce i comuni montani dell’Appennino parmense. Dal 2009 il primo cittadino Luigi Lucchi cerca di recedere dall’azienda. Ora il risultato in controtendenza rispetto alle altre realtà italiane

Nel 2013 i suoi 2200 cittadini avevano votato per ritornare all’acqua pubblica e ora il sindaco di Berceto, comune dell’Appennino parmense, ha realizzato quella volontà. Dal 29 gennaio 2016 la gestione del servizio idrico integrato è tornata ufficialmente nelle mani dell’amministrazione. E’ l’unico comune in tutta la provincia a fare questo passo proprio in un momento in cui in Italia le promesse di ripubblicizzazione si sono sgretolate perfino dove sembravano più ovvie. Come a Reggio Emilia, record di sì all’acqua pubblica nel referendum del 2011, dove però il balletto di promesse e assicurazioni è stato rimangiato nel giro di un anno dal governo Pd. Per non parlare di Roma, che ha già ingranato la retromarcia sulla gestione pubblica nonostante l’esito della storica consultazione.

Read the rest of this entry »

Mettiamoci la firma!

02 giugno 2016

.

Risultati immagini per no referendum costituzionaleIl Forum Acqua Valdera aderisce al Coordinamento Democrazia Costituzionale della Valdera, che sostiene le campagne referendarie contro la “riforma” costituzionale e l’Italicum. Leggi molto pericolose, il cui effetto combinato è lo stravolgimento delle architetture fondamentali della Costituzione repubblicana e del nostro sistema democratico, e lo svilimento dei principi del voto libero ed uguale e della rappresentanza democratica; un tentativo che porta con sé il segno inequivocabile di un’idea plebiscitaria della politica, concentrando i poteri nelle mani dell’esecutivo e del leader di turno, e azzerando il ruolo dei contrappesi istituzionali. Per questo è fondamentale che i cittadini si informino attentamente sulla pericolosità di queste modifiche legislative, visitando i siti del Coordinamento Democrazia Costituzionale, del Comitato per il NO al referendum Costituzionale, e del Comitato contro l’Italicum.

Come Forum Acqua Valdera sosteniamo anche la campagna per i Referendum Sociali. Il comitato nazionale è formato da varie realtà associative, sindacali e di movimento che, insieme, stanno cercando di costruire una “primavera dei diritti e della democrazia” promuovendo la raccolta di firme per l’indizione di referendum contro la cosiddetta legge “Buona scuola” e contro gli inceneritori e le trivelle, oltre ad una petizione contro La Legge Madia che annulla i vittoriosi referendum sull’acqua del 2011. Istruzione, salute, ambiente e beni comuni: temi strategici per il futuro del nostro paese, che interessano direttamente tutti, e sui quali si vuole ridare la parola ai cittadini. Anche in questo caso, per approfondire è possibile visitare il sito della campagna per i Referendum Sociali.

MANCANO CIRCA 3 SETTIMANE AL TERMINE DELLA RACCOLTA DELLE FIRME PER TUTTE QUESTE IMPORTANTI CAMPAGNE REFERENDARIE.

INVITIAMO TUTTI GLI ATTIVISTI ED I SIMPATIZZANTI DEI MOVIMENTI PER L’ACQUA, TUTTI I CITTADINI A RECARSI NEL PROPRIO COMUNE A FIRMARE A SOSTEGNO DI QUESTI REFERENDUM; E’ POSSIBILE FARLO IN OGNI COMUNE DELLA VALDERA.

La vostra firma vale molto! Tutti a firmare: per la costituzione, la democrazia e un’Italia migliore.


PROSSIMI BANCHETTI RACCOLTA FIRME

Referendum Sociali

- venerdì 3/06 ore 9:00-13:00 c/o Mercato settimanale a Pontedera

- sabato 4/06 ore 16:00-19:00 c/o Corso Matteotti a Pontedera

- sabato 18/06 e domenica 19/06 ore 18:00-21:00 Festa Economia Solidale, Circolo Ortaccio, Vicopisano

Referendum costituzionale e Italicum

- venerdì 3/06 ore 9:00-13:00 c/o Mercato settimanale a Pontedera

– sabato 4/06 e domenica 5/06 Sagra delle ciliege a Lari (davanti Circolo Arci)

Referendum costituzionale e Italicum (banchetti ANPI)

- venerdì 3/06 ore 16:00-20:00 c/o Corso Matteotti a Pontedera

- venerdì 10/06 ore 16:00-20:00 c/o Corso Matteotti a Pontedera

– sabato 11/06 ore 16:00-20:00 c/o Corso Matteotti a Pontedera

– domenica 12/06 ore 16:00-20:00 c/o Corso Matteotti a Pontedera

– venerdì 17/06 ore 16:00-20:00 c/o Corso Matteotti a Pontedera

Referendum costituzionale e Italicum (banchetti M5S)

- tutti i sabato ore 16:00-19:00 c/o Corso Matteotti a Pontedera

Basta con i profitti sull’acqua!

29 maggio 2016

Da Frosinone il falò delle bollette esose di ACEA

Venerdì scorso, 27 maggio, i cittadini di Frosinone hanno detto No al decreto Madia bruciando in piazza le bollette di ACEA. Il questore di Frosinone aveva vietato di accendere fuochi. I cittadini di Frosinone, in tanti, lo hanno fatto lo stesso per intimare al governo del non eletto Renzi di rispettare la volontà del popolo sovrano che nel 2011 si è espresso chiaramente. Lo hanno fatto per affermare la loro irriducibile volontà di non essere ridotti a servi di ACEA S.p.A. e di tutti i potentati economico-finanziari.

Il Forum Toscano sulla vergogna di Firenze

Comunicato stampa

Con la voragine frana il “modello toscano” di gestione idrica, di fronte agli occhi di tutto il mondo

Il Forum Toscano del Movimenti per l’Acqua non si sorprende del crollo del Lungarno a Firenze. La mala gestione del territorio è una costante del modello toscano, della gestione misto pubblica-privata, approfittatrice del servizio idrico che fa dell’acqua una merce e delle manutenzioni un costo in bolletta che produce milioni di euro che poi scompaiono magicamente.

Come cittadini ed utenti di un servizio pubblico, siamo amareggiati, per non dire frustrati, dal constatare che in sostanza Publiacqua e così tutti gli altri gestori idrici toscani, incassa centinaia di milioni di euro e poi non opera gli investimenti in programma a cui sono legate le tariffe applicate alle bollette.

Read the rest of this entry »

Campagna #Stopmadia

26 maggio 2016

Attivisti del Forum Italiano Movimenti per l’Acqua irrompono al Forum PA per contestare la legge Madia

Più servizi pubblici, meno privatizzazioni; più diritti, meno mercato!